Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l’acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

"Habitat Naturale" - 15 gennaio 2023, ore 21.00

Data di pubblicazione:

mercoledì 9 novembre, 2022

Tempo di lettura:

2 min

Salviamoci dall’estinzione!

Domenica 15 Gennaio 2023 alle ore 16.00 arriva al Teatro di Limbiate Habitat Naturale de la Piccionaia per la rassegna ragazzi, in via Valsugana, 1.

Al Museo di Storia Naturale i leoni giacciono sereni nella loro piccola savana mentre l’audio della foresta amazzonica riecheggia nei corridoi vuoti; lo Sphaeroma Tenebrans è al suo posto nella bacheca dei crostacei isopodi. Le giornate scorrono serene tra le visite delle scolaresche e gli interventi di manutenzione ordinaria; quello che succede fuori non conta, l’importante è che al momento della chiusura tutto sia in ordine e il custode inserisca l’allarme. È quello che ha fatto anche ieri sera, eppure stamattina, nella sala degli insetti, è stato trovato un oggetto estraneo…

Habitat naturale intende approfondire una dinamica di fondo del vivere contemporaneo: le migrazioni e le loro conseguenze. I flussi migratori ricalcano rotte su cui da millenni si ripete il ciclico peregrinare di batteri, piante e animali. Alla base di tutto c’è la dispersione biologica, l’istinto di sopravvivenza che spinge a sfidare l’ignoto alla ricerca di un luogo in grado di ospitare il naturale sviluppo della vita.

I musei di storia naturale sono luoghi di approfondimento e di divulgazione scientifica che hanno avuto origine nell’epoca delle esplorazioni e dei fenomeni coloniali. Essi cercano di restituire la fotografia di un mondo classificato, ordinato, perfettamente conosciuto; ma il fluire della vita non conosce tregua, l’evoluzione è un processo inarrestabile e il futuro è un territorio tutto da esplorare. Ecco dunque che la Storia e le Scienze Naturali, che hanno classificato e ordinato il passato, sono strumenti che possono aiutarci a immaginare il futuro. La “presenza” che in questo racconto porta lo scompiglio nella vita dei personaggi rappresenta lo sconosciuto che sulle prime spaventa, disturba, cambia gli equilibri, ma che infine si apre alla creazione del nuovo e salva dall’estinzione.

Fascia d’età consigliata: dai 14 anni 

di: Elisabetta Granara

con: Elisabetta Granara e Diego Dalla Via

produzione: Il Gruppo di Teatro Campestre

in collaborazione con: La Piccionaia Centro di produzione teatrale

 

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

09/11/2022